Api, se scompaiono loro ci estinguiamo tutti

Ci siamo preoccupati moltissimo della scomparsa delle api, e ne siamo ancora molto preoccupati. E’ facile capire l’entità del problema visto che gli alveari degli allevamenti sono costantemente monitorati. Ci stavamo, però quasi per dimenticare degli altri insetti impollinatori: tra cui api, farfalle, vespe, coleotteri etc. Dico quasi perché, il mondo della ricerca non ha mai smesso di preoccuparsene. Recentemente è stato compiuto il primo studio su scala mondiale proprio su questi ultimi. L’Intergovernmental Science-Policy Platform on Biodiversity and Ecosystem Services (IPBES), il 26 febbraio ha emesso il suo primo report dedicato appunto al declino della biodiversità degli insetti impollinatori. Il titolo del report parla chiaro “il nostro cibo dipende dagli insetti impollinatori che sono sotto minaccia” quindi non solo le api domestiche, ma tutti gli insetti così detti utili. All’Ipbs partecipano 124 membri di governi che collaborano con più di 1000 scienziati di tutto il mondo. In sintesi ecco i risultati: esistono 20.000 specie diverse di insetti impollinatori selvatici, il 90% dei fiori selvatici dipendono da questi insetti, il 75% della produzione alimentare dipende dagli insetti impollinatori (non solo le api domestiche) il cui valore ammonta a 577 miliardi di dollari, di questi insetti il 16% è a rischio di estinzione, il 40% tra api e farfalle selvatiche sono a maggior rischio di estinzione.

Continua a leggere qui: LINK

CASCINE APERTE: SU ZERO

Image

Milano Luoghi Vari

Milano | mappa

 

http://www.associazionecascinemilano.org

GRATIS

Per nutrire il pianeta serve la terra, quella buona: terra agricola. Ma chi la coltiva più? Noi cittadini, no. Gli agricoltori? Vivono in campagna e hanno un problema. Avete presente “La storia infinita”, in cui tutto inizia a svanire? Ecco, la campagna sta scomparendo. Comincia a mancarle proprio la terra. Eppure a Milano si possono vedere tanti ruderi agricoli abbandonati. Sono 58, di proprietà comunale e quindi anche tua. E allora si potrebbe iniziare a nutrire il pianeta dalla città. Approfittiamo di questa giornata di aperture straordinarie per cercare esempi da seguire.

Davide Ciccarese

http://milano.zero.eu/2013/09/21/cascine-aperte-4/

CATERPILLAR NEGLI ORTI A QUARTO OGGIARO

Image

Prosegue la campagna di Caterpillar Orto Per Mille ed approda a Quarto Oggiaro.

Martedi 4 giugno, Paolo Maggioni, giornalista di Caterpillar, è venuto a conoscere il progetto Quarto in Transizione e gli abitanti del condominio, in diretta a Radio Due.

Davide Ciccarese, presidente di Villaggio Nostrale, ha spiegato come sia possibile credere fortemente nei valori dell’agricoltura e della sostenibilità ambientale attraverso cui è possibile accrescere una consapevolezza maggiore delle risorse naturali, migliorando il proprio benessere attraverso un consumo e risparmio consapevole. Per avere risultati tangibili e un beneficio collettivo è essenziale che si prevedano processi governati dal basso e la costruzione di una rete sociale e solidale molto forte tra gli abitanti delle comunità.

Villaggio Nostrale sta coltivando le periferie attraverso diversi progetti di consumo e coltivazione collettiva nelle periferie di Milano (Barona, Quarto Oggiaro, Gratosoglio). Coltivare le periferie significa: consumare cibo di qualità, per risparmiare, ridurre i rifiuti e stare meglio. 

INAUGURAZIONE DELLA SERRA COMUNITARIA

Video

EFFETTO SERRA – una serra aperta alla città nel quartiere Barona

Effetto Serra è un progetto di serra comunitaria a Milano. Un progetto nato per favorire il re-inserimento al lavoro e sperimentare una nuova socialità urbana.

“Fuori Orticola” evento di inaugurazione della serra progetto “Effetto Serra”, sostenuto da Punto e Linea, con la partecipazione di:

Opera in fiore
La cordata – http://www.lacordata.it/cms/
Lunedì sostenibili – http://www.lunedisostenibili.org/
Effetto farfalla – http://www.effettofarfalla.net/
Legambiente Lombardia
Art Kitchen – http://artkitchen.org/
De.de.p – http://www.dedep.org/
Trio Bolla – https://www.facebook.com/BollaTrio